Glassway - vetro verre glass
italiano · français · english
Home Eventi Progetto Partner Link Contatti Area riservata
ricerca   
FILIGRANA A RETORTOLI Home Vetro Artigianale e Artistico Tecniche di produzione del Vetro Filigrana a Retortoli
Caratteristiche del Vetro
Vetro Artigianale e Artistico
Storia del Vetro artigianale e artistico
Tecniche di produzione del Vetro
Acidatura
Applicazioni Cave
Fili Applicati
Fili Applicati a Festoni
Fili Applicati Spezzati
Gocce Applicate
Schegge Applicate
Vetro a Cammeo
Canna
Casting
Cementazione
Cera Persa
Corroso
Decalcomania
Mezza Filigrana
Filigrana a Reticello
Filigrana a Retortoli
Foglia d'Oro e d'Argento in fornace
Foglia d'Oro Graffita
Fusing
Vetro a Ghiaccio
Graal
Incalmo
Vetro Incamiciato
Incisione a Punta di Diamante
Incisione a Rotina
Modellazione a Lume
Soffiatura a Lume
Meza Stampatura
Millefiori
Mosaico
Nipt Diamond Waies
Nucleo Friabile
Modellazione a Cera Persa
Pittura a Smalto
Pressatura a Stampo
Sabbiatura
Slumping
Soffiatura
Soffiatura a Stampo
Vetro Sommerso
Vetro Mosaico
Vetro industriale
Vetro e Ambiente
Musei e Istituzioni
Mappa dei contenuti

FILIGRANA A RETORTOLI
A Murano detta anche 'zanfico'.

VIDEO
Filigrana a Retortoli
Filigrana a Retortoli
play
Riprese effettuate presso la vetreria Anfora di Murano con il maestro Andrea Zilio.
E' una delle tecniche più importanti ideate a Murano nel Rinascimento. Fu brevettata nel 1527 per dieci anni da Filippo e Bernardo Catani con fornace muranese all'insegna della Sirena e presto fu patrimonio comune delle vetrerie muranesi e venne anche esportata all'estero nelle vetrerie alla 'façon de Venise'.
Il lavoro si svolge in fasi successive. Vengono tirate varie canne non forate di cristallo e di vetro bianco opaco, nella versione classica, o di cristallo e di vetro colorato e quindi assemblate in un cilindro secondo una regolare disposizione. Esse sono quindi riscaldate e tirate nuovamente, torcendole nel corso di quest'ultima operazione.
zoom
zoom
Ottenute delle canne di cristallo a fili interni bianchi o colorati ritorti a spirale, queste vengono tagliate in segmenti di dimensioni identiche (circa 20 cm.) ed accostate parallele su una piastra metallica rivestita di argilla refrattaria, poi inserita nel forno ripetutamente al fine di saldare a fuoco le canne in un tutto unico.
zoom
zoom
Il maestro vetraio raccoglie con la canna da soffio la piastra vitrea formata dalle canne parallele, rotolando lungo il lato maggiore del rettangolo, corrispondente dalla estremità delle canne, un elemento conico già preparato all'estremità della canna stessa, quindi ne ricava un cilindro, lo chiude all'estremità opposta rispetto alla canna. Poi può procedere alla soffiatura ed alla modellazione dell'opera.
zoom
zoom
zoom
zoom
Nell'Europa settentrionale, soprattutto dopo la pubblicazione della Guide du Verrier di Georges Bontemps (1868) la filigrana a retortoli viene realizzata con altre modalità. Le canne di filigrana a retortoli vengono inserite in incavi verticali di uno stampo, generalmente di graffite, quindi all'interno dello stampo viene soffiato del vetro trasparente che aderisce a caldo alle canne a retortoli, che risultano distanziate a differenza della filigrana a retortoli veneziana.
Nella prima fase della sua lavorazione (conclusa prima della fase della soffiatura) la filigrana a retortoli veneziana coincide con il vetro mosaico a canne ritorte alessandrino e romano (inglese: lace mosaic glass). La piastra doveva però venire sagomata su uno stampo, come normalmente i vetri a mosaico, e rifinito a freddo con la molatura all'interno e a volte all'esterno.
Una varietà moderna della filigrana a retortoli è costituita dal 'Merletto' proposto dal muranese Archimede Seguso negli anni Cinquanta del XX secolo.
Filigrana a Reticello 15 16 17 18 19 Foglia d'Oro e d'Argento in fornace
HomeEventiProgettoPartnerLinkContattiArea riservata
© 2019 Regione Autonoma Valle d'Aosta - c.f. 80002270074 - credits