Glassway - vetro verre glass
italiano · français · english
Home Eventi Progetto Partner Link Contatti Area riservata
ricerca   
PITTURA A SMALTO Home Vetro Artigianale e Artistico Tecniche di produzione del Vetro Pittura a Smalto
Caratteristiche del Vetro
Vetro Artigianale e Artistico
Storia del Vetro artigianale e artistico
Tecniche di produzione del Vetro
Acidatura
Applicazioni Cave
Fili Applicati
Fili Applicati a Festoni
Fili Applicati Spezzati
Gocce Applicate
Schegge Applicate
Vetro a Cammeo
Canna
Casting
Cementazione
Cera Persa
Corroso
Decalcomania
Mezza Filigrana
Filigrana a Reticello
Filigrana a Retortoli
Foglia d'Oro e d'Argento in fornace
Foglia d'Oro Graffita
Fusing
Vetro a Ghiaccio
Graal
Incalmo
Vetro Incamiciato
Incisione a Punta di Diamante
Incisione a Rotina
Modellazione a Lume
Soffiatura a Lume
Meza Stampatura
Millefiori
Mosaico
Nipt Diamond Waies
Nucleo Friabile
Modellazione a Cera Persa
Pittura a Smalto
Pressatura a Stampo
Sabbiatura
Slumping
Soffiatura
Soffiatura a Stampo
Vetro Sommerso
Vetro Mosaico
Vetro industriale
Vetro e Ambiente
Musei e Istituzioni
Mappa dei contenuti

PITTURA A SMALTO

testi a cura di Rosa Barovier Mentasti
zoom
La pittura a smalto è stata una delle più diffuse tecniche nei secoli, benché richieda conoscenze tecniche specializzate. I primi esempi noti sono di epoca romana a partire dal primo se. d. Cr. Raffinatissimi furono anche i vetri smaltati bizantini dei secoli X-XI e quelli islamici dal XIII al XIV secolo. La tecnica fu usata a Venezia dal 1280 al 1350 circa ed, in seguito, a partire dal lla seconda metà del XV secolo. Di qui si diffuse a Norde delle Alpi.
zoom
La pittura consiste nella applicazione a pennello di impasti colorati ottenuti da polvere finemente macinata di vetri bassofondenti opachi o trasparenti mescolati con un liquido oleoso. L'oggetto decorato viene posto quindi in una muffola ad un calore non superiore ai 600 °C. affinché lo smalto rammollisca e aderisca indelebilmente alla parete di supporto.
Nel Rinascimento e nel periodo barocco venivano usati smalti altofondenti. Di conseguenza, poiché una muffola ad altissima temperatura avrebbe determinato la fusione dell'oggetto stesso, era necessario riportare lentamente i vetri alla temperatura di lavorazione, attaccarli nuovamente al pontello e cuocere gli smalti all'interno del forno di lavorazione. Per questo i soffiati smaltati antichi recano due segni del pontello sovrapposti. L'apertura di piatti e coppe allargate e l'applicazione delle anse avveniva nel corso di questa fase. Alla fine il manufatto doveva subire una seconda ricottura nel forno di raffreddamento.
zoom
zoom
Modellazione a Cera Persa 33 34 35 36 37 Pressatura a Stampo
HomeEventiProgettoPartnerLinkContattiArea riservata
© 2019 Regione Autonoma Valle d'Aosta - c.f. 80002270074 - credits