Glassway - vetro verre glass
italiano · français · english
Home Eventi Progetto Partner Link Contatti Area riservata
ricerca   
ETÀ DEL BRONZO Home Vetro Artigianale e Artistico Storia del Vetro artigianale e artistico Età del bronzo
Caratteristiche del Vetro
Vetro Artigianale e Artistico
Storia del Vetro artigianale e artistico
Età del bronzo
Età del Ferro
Ellenismo
Dall'età di Augusto alla Tarda Antichità
Medioevo
Rinascimento
Barocco
XIX Secolo
Tecniche di produzione del Vetro
Vetro industriale
Vetro e Ambiente
Musei e Istituzioni
Mappa dei contenuti

IL VETRO NELL'ETÀ DEL BRONZO

testi a cura di Rosanna Mollo e Patrizia Framarin
VEDI ANCHE
Invetriatura
Nucleo Friabile
Ossidiana
Vetro mosaico
MUSEI
Corning Museum of Glass, New York
Museo Archeologico Regionale 'L. Bernabò Brea', Lipari, Italia
Museo dei Grandi Fiumi, Rovigo, Italia
La scoperta e le prime sperimentazioni
A partire dal VI millennio a.C., l'uomo utilizza un materiale vetroso naturale, l'ossidiana (foto 1), roccia silicea di origine vulcanica, presente in abbondanza nel bacino del Mediterraneo, nelle isole Eolie, Pontine, Pantelleria e in Sardegna (Monte Arci), per ottenere oggetti taglienti e resistenti. Questo materiale veniva commercializzato su lunghe distanze, dando origine alle prime rotte commerciali mediterranee (cartina A).
zoom
1. Schegge di lavorazione di ossidiana, da Lipari, Italia.
1. Schegge di lavorazione di ossidiana, da Lipari, Italia. 
zoom
A. Cartina di distribuzione dei giacimenti preistorici di ossidiana.
A. Cartina di distribuzione dei giacimenti preistorici di ossidiana. 
zoom
2. Frammento di faïence (a partire dal tardo V o inizi del IV millennio a.C.).
2. Frammento di faïence (a partire dal tardo V o inizi del IV millennio a.C.). 
La scoperta vera e propria della materia vetrosa, in forma di faïence (foto 2) o di pasta vitrea, si data alla metà del III millennio a.C. in Mesopotamia (Iraq e Siria), preceduta solo dall'uso dell'invetriatura nell'Alto Egitto. Vetro semilavorato, in forma di barra o blocco, risalente al XXIII sec. a.C., è stato rinvenuto a Eshnunna e, posteriore di qualche secolo, a Eridu.
zoom
3. Pendente in forma di stella, da Nuzi (1450-1350 a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
3. Pendente in forma di stella, da Nuzi (1450-1350 a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
I primi oggetti in vetro, modellati e forgiati, erano necessariamente molto piccoli. Fino alla comparsa dei primi recipienti, vengono prodotti, se si escludono i bottoni conici, quasi esclusivamente oggetti a carattere ornamentale e rituale, in particolare perle di varie dimensioni, pendenti, placchette e intarsi (foto 3).
Questa produzione raggiunge il Mediterraneo orientale e le coste europee a testimonianza di una serie di rapporti transmarini fra le comunità dell'inizio dell'età del Bronzo e l'ambiente egeo. Nel Languedoc francese si sono riscontrate le più antiche attestazioni, tra 2400 e 2000 a.C., di perle in materiale vetroso (ipogeo di Roaix). In Italia settentrionale il ritrovamento più antico risale al XIX-XVIII secolo a.C. e consiste in elementi segmentati di collana dalla Caverna dell'Acqua o del Morto di Finale Ligure. In area continentale, in seguito a contatti con le regioni carpatico-danubiane, la zona del Lago di Garda ha restituito numerose attestazioni di perle di tipo biconico schiacciato in faïence.
Le produzioni del II millennio a.C.: Mesopotamia ed Egitto
I primi recipienti realizzati in vetro pare siano stati prodotti nel corso del XVI-XV secolo a.C., inizialmente nell'antica Alalakh (nella piana di Antiochia, Siria del Nord) e nell'Alta Mesopotamia, a Nuzi, Assur, Tell al-Rimah, vale a dire nell'area hurrita-mitannica. Si ispirarono a forme ceramiche di piccole dimensioni, come calici, coppe, bottigliette a corpo piriforme con terminazione a punta, prevalentemente in vetro blu, con decorazioni di filamenti applicati di colori diversi, in particolare gialli.
Tecnicamente, questi oggetti sono stati realizzati mediante la fusione su nucleo friabile che condizionava la dimensione dell'oggetto.
A distanza di circa un secolo anche in Egitto si sviluppò una produzione di vetro, dal carattere poi sempre più autonomo, probabilmente conseguente alle imprese militari di Thutmosis III (1479-1425 a.C.) in Mesopotamia. La produzione egiziana è caratterizzata per lo più da contenitori per cosmetici, talora a forma di fusto di palma (foto 4), vasi rituali (foto 5) e vasi configurati dalla vivace policromia.
zoom
4. Unguentario tubolare (contenitore per Kohl) a forma di fusto di palma, dall'Egitto (Nuovo Regno 1400-1225 a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
4. Unguentario tubolare (contenitore per Kohl) a forma di fusto di palma, dall'Egitto (Nuovo Regno 1400-1225 a.C.). Corning Museum of Glass, New York. 
zoom
5. Amphoriskos in vetro turchese con decorazione a festoni, dall'Egitto (1400-1300 a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
5. Amphoriskos in vetro turchese con decorazione a festoni, dall'Egitto (1400-1300 a.C.). Corning Museum of Glass, New York. 
Poco dopo l'introduzione della tecnica a nucleo friabile venne sperimentata, nel corso del XV-XIV secolo a.C., la produzione di vasi policromi a mosaico, sempre nell'area a nord della Mesopotamia, destinata ad ampi sviluppi successivi.
zoom
Tav. I. Tavola tipologica dei  vasi prodotti in Egitto (Sternini, 1995).
Tav. I. Tavola tipologica dei vasi prodotti in Egitto (Sternini, 1995). 
Contemporaneamente il vetro mosaico è attestato anche in Egitto, come provano i numerosi frammenti rinvenuti a Malkata, appartenenti probabilmente al Regno di Amenofi III (1390-1352 a.C.). A partire da questo momento la produzione vitrea egizia vive un periodo di notevole splendore per la varietà di forme e la ricchezza cromatica (Tav. I - foto 7-8-9); continua anche la produzione di originali e variopinti oggetti di ornamento personale e da intarsio (foto 10).
zoom
7. Bicchiere a calice, dall'Egitto (XVIII dinastia, 1460-1360 a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
7. Bicchiere a calice, dall'Egitto (XVIII dinastia, 1460-1360 a.C.). Corning Museum of Glass, New York. 
zoom
8. Fiasca in vetro turchese con decorazioni a festoni, dall'Egitto (XVIII-XIX dinastia 1360-1225 a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
8. Fiasca in vetro turchese con decorazioni a festoni, dall'Egitto (XVIII-XIX dinastia 1360-1225 a.C.). Corning Museum of Glass, New York. 
zoom
9. Coppa in vetro blu con decorazione a festoni, dall'Egitto (XIX-XX dinastia 1200-1080 a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
9. Coppa in vetro blu con decorazione a festoni, dall'Egitto (XIX-XX dinastia 1200-1080 a.C.). Corning Museum of Glass, New York. 
zoom
10. Collana multicolore con amuleti, dall'Egitto (XVIII dinastia 1400-1350 a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
10. Collana multicolore con amuleti, dall'Egitto (XVIII dinastia 1400-1350 a.C.). Corning Museum of Glass, New York. 
zoom
11. Fiasca a melagrana, da Cipro (1400-1300 a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
11. Fiasca a melagrana, da Cipro (1400-1300 a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
La circolazione dei prodotti egiziani raggiunse la Grecia micenea, mentre a Cipro prendeva l'avvio una produzione di recipienti a melagrana (foto 11).
zoom
12. Collana di vetro e faïence, dalla Grecia (1400-1250 a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
12. Collana di vetro e faïence, dalla Grecia (1400-1250 a.C.). Corning Museum of Glass, New York. 
Nella Grecia micenea si confezionarono quasi esclusivamente elementi di collane (foto 12) di colore blu, brillante, traslucido e placche decorative per l'intarsio degli arredi palaziali. Si trattava di una lavorazione secondaria, come sembrerebbero dimostrare i lingotti di vetro rinvenuti nel relitto di Ulu Burum, sulla costa meridionale della Turchia, appartenente ad un'imbarcazione del XIV secolo a.C., diretta probabilmente verso la penisola ellenica.
Gli scambi e le rotte commerciali occidentali
Nel Mediterraneo occidentale, lungo le coste tirreniche e adriatiche aperte ai traffici egei, nella fase iniziale del Bronzo Medio (XV sec. a.C.), sono presenti perle in pasta vitrea, globulari e discoidi, confrontabili con analoghi materiali micenei. Questi oggetti ornamentali, una sorta di status symbol, si riscontrano in contesti abitativi e funerari coevi dell'Italia centro-meridionale, come l'insediamento di Punta d'Alaca sull'isola di Vivara (Napoli), e di Grotta Manaccora nelle Puglie, della Sicilia (Castelluccio, Fogliuta di Adrano, Monte Grande, Thapsos) e delle Isole Eolie (Acropoli di Lipari, Capo Graziano).
Nella media età del Bronzo, materiali vetrosi raggiungono anche la pianura Padana: si conoscono particolari bottoni conici e discoidi come gli esemplari da Poviglio e Quingento nel Parmense e dalla palafitta di Mercurago (Novara).
La decadenza della produzione vetraria
zoom
13. 'Cilindretto cavo' con decorazione spiraliforme, da Choga Zanbil (1250 a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
13. 'Cilindretto cavo' con decorazione spiraliforme, da Choga Zanbil (1250 a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
Intorno al 1200 a.C., in concomitanza con gli eventi che determinarono la fine dell'età del Bronzo, si assiste ad un decadimento della produzione di oggetti vitrei (foto 13), conseguente al declino della civiltà micenea della Grecia meridionale, di Creta e del regno Ittita dell'Anatolia centro-orientale, che avevano determinato il fiorire delle produzioni di lusso e le condizioni per la loro commercializzazione.
Nell'involuzione della produzione egizia pochi sono i siti archeologici, che tra il 1200 e 900 a.C. hanno restituito reperti vitrei: si tratta per lo più di vaghi di collana, di piccole appliques e di particolari elementi decorativi.
Infine, nella tarda età del Bronzo europea (XII-IX sec. a.C.), si attivano produzioni locali (foto 14-15), nel nord-est dell'Italia, a Frattesina di Fratta Polesine (Rovigo): ne sono una testimonianza i frammenti di pasta vitrea grezza, gli scarti di lavorazione e i resti di numerosi crogioli con incrostazioni vetrose.
zoom
14. Frammenti di crogioli con incrostazioni vetrose, da Frattesina (XII-IX sec. a.C.). Museo dei Grandi Fiumi, Rovigo, Italia.
14. Frammenti di crogioli con incrostazioni vetrose, da Frattesina (XII-IX sec. a.C.). Museo dei Grandi Fiumi, Rovigo, Italia. 
zoom
15. Frammenti di pasta vitrea e scarti di lavorazione della pasta di vetro, da Frattesina (XII-IX sec. a.C.). Museo dei Grandi Fiumi, Rovigo, Italia.
15. Frammenti di pasta vitrea e scarti di lavorazione della pasta di vetro, da Frattesina (XII-IX sec. a.C.). Museo dei Grandi Fiumi, Rovigo, Italia. 
Si tratta di vari tipi di perle (foto 16) dai colori vivaci, in blu, azzurro e rosso, ottenute presumibilmente per colatura o con l'avvolgimento di pasta vitrea fusa intorno ad un'asticella, decorate con l'aggiunta di vari fili di pasta di vetro (foto 17).
zoom
16. Vari tipi di perle: a botticella, ad occhi, fusiformi, a spina di pesce, da Frattesina (XII-IX sec. a.C.). Museo dei Grandi Fiumi, Rovigo, Italia.
16. Vari tipi di perle: a botticella, ad occhi, fusiformi, a spina di pesce, da Frattesina (XII-IX sec. a.C.). Museo dei Grandi Fiumi, Rovigo, Italia. 
zoom
17. Perline anulari monocrome, di colore blu, azzurro o rosso, da Frattesina (XII-IX sec. a.C.). Museo dei Grandi Fiumi, Rovigo, Italia.
17. Perline anulari monocrome, di colore blu, azzurro o rosso, da Frattesina (XII-IX sec. a.C.). Museo dei Grandi Fiumi, Rovigo, Italia. 
zoom
18. Collana da Lipari (XI sec. a.C.). Museo Archeologico Regionale 'L. Bernabò Brea', Lipari, Italia.
18. Collana da Lipari (XI sec. a.C.). Museo Archeologico Regionale 'L. Bernabò Brea', Lipari, Italia.
Alla fine del II millennio a.C. (XI sec. a.C.), una collana di perle policrome in pasta vitrea da Lipari (Necropoli di Piazza Monfalcone) (foto 18) documenta la continuità della lunga tradizione 'ornamentale' del vetro che perdura anche nella mutata situazione politica ed economica del Mediterraneo, riflettendosi negativamente sull'attività produttiva.
BIBLIOGRAFIA
AA.VV.1995
O.Williams-Thorpe, Review article. Obsidian in the Mediterranean and the Near East: a provenancing success story, in 'Archaeometry' 37, 2, 1995, pp. 217-248.
Barag 1970
D. Barag, Mesopotamian Core-formed Glass Vessels (1500-500 B.C.), Corning 1970.
Barag 1985
D. Barag, Catalogue of Western Asiatic Glass in the British Museum I. Late third millenium B.C. to c. A.D. 200, London 1985.
Bellintani 1997
P. Bellintani, Frattesina: l'ambra e la produzione vitrea nel contesto delle relazioni transalpine, in L. Endrizzi, L. Marzatico (sous la direction de), Ori delle Alpi, Catalogo esposizione, Trento 1997, pp. 117-129.
Bellintani 2000
P. Bellentani, I bottoni conici ed altri materiali vetrosi delle fasi non avanzate della media età del Bronzo dell'Italia settentrionale e centrale, in 'Padusa', XXXVI, 2000, pp. 95-116.
Bellintani-Biavati 1997
P. Bellentani, A. Biavati, Ornamenti in materiale vetroso, in 'Le Terra mare. La più antica civiltà padana', Catalogo mostra Modena, pp. 610-613.
Bellintani-Biavati-Verità 1998
P. Bellentani, A. Biavati, M.Verità, Alcune considerazioni su materiali vetrosi da constesti dell'età del Bronzo media e recente dell'Italia settentrionale in 'Il vetro dall'antichità all'età contemporanea: aspetti tecnologici, funzionali e commerciali', in 'Atti 2e Giornate Nazionali di Studio AIHV' , Milano 1998. Bergonzi-Cardarelli 1992
G. Bergonzi, A. Cardarelli, Status symbol e oggetti d'ornamento nella media età del Bronzo dell'Italia settentrionale: ambra, fayence, pasta vitrea, metalli preziosi, in 'L'Età del Bronzo, in Italia nei secoli dal XVI al XIV secolo a.C.', in Rassegna di Archeologia, 10, 1991-92, pp. 217-220.
Biavati-Verità 1989
A. Biavati, M. Verità, The glass from Frattesina, a glass making center in the late bronze age, in 'Rivista della stazione sperimentale del vetro', 4, pp. 295-303.
Bietti Sestieri 1981

A. M. Bietti Sestieri, Lo scavo dell'abitato protostorico di Frattesina di Fratta Polesine (Rovigo). I La sequenza stratigrafica del quadrato U6, in 'Bollettino Paleontologico Italiano', 1975-80-81, pp. 221 e sgg.
Brill 1970
R. H. Brill, The chemical Interpretation of the Texts, in 'Glass and Glassmaking in Ancient Mesopotamia', Corning 1970.
Cann-Renfrew 1964
J.R. Cann, C. Renfrew, The characterization of Obsidian and Its Application to the Mediterranean Regione, in proceedings of the Prehistoric Society, 30, 1964, pp. 111-131.
Castiglioni-Fussi-D'Agnolo 1962
O. C. Castiglioni, F. Fussi, G. D'Agnolo, Indagini sulla provenienza dell'ossidiana in uso nelle industrie preistoriche italiane. Parte prima problematiche tecniche di indagine, in 'Atti della Società Italiana di Scienze Naturali' 101, 1962, pp. 12-19.
Del Lucchese 1984
A. Del Lucchese, Resti della sepoltura dell'antica età del Bronzo nella Caverna dell'Acqua o del Morto (Finale Ligure - SV), in 'Preistoria Alpina', 20, pp. 155-168.
Ghirshman 1966
R. Ghirshman, Tchoga Zanbil, I, Paris 1966.
Glassway 2004
Glassway, Il vetro: fragilità attraverso il tempo, Palermo 2004.
Goldstein 1979
S. M. Goldstein, Pre-Roman and Early Roman Glass in the Corning Museum of Glass, Corning (New York) 1979.
Grose 1989
D. F. Grose, Early ancient Glass, The Toledo Museum of Art, New York 1989.
Harden 1968
D. B. Harden, Ancient Glass, I: Pre-Roman, in the 'Archeological Journal', CXXV, 1968, pp. 46-72.
Harden 1981
D. B. Harden, Catalogue of Greek and Roman Glass in the British Museum, vol. I, London 1981.
Harding 1984
A. F. Harding, The Myceneans and Europe, in Academic Press, London 1984.
Henderson-Towle-Bellintani-Gambacurta 2001
J. Henderson, A. Towle, P. Bellintani, G. Gambacurta, Frattesina and Beyond Part I : Preliminary Report of Scientific Analyses of Early Glass from the Veneto, in 'Padusa', XXXVII, 2001.
Nicoletti 1997
F. Nicoletti, Il Commercio Preistorico dell'ossidiana nel Mediterraneo ed il ruolo di Lipari e Pantelleria nel più antico sistema di scambio, in S. Tusa (ed.) Prima Sicilia, Ediprint 1997, pp. 259-269.
Oppenheim 1970
A.L. Oppenheim, The cuneiform texts, in Glass and Glass-making in Ancient Mesopotamia, Corning 1970.
Negro Ponzi Mancini 1985
M. M. Negro Ponzi Mancini, Il vetro in Mesopotamia, in 'La Terra tra i due fiumi', Alessandria 1985, p. 287-288.
Piccioli-Sogliani 1999
C. Piccioli, F. Sogliani, (a cura di) Il vetro in Italia meridionale e insulare, Napoli 1999.
Saldern 1989
A. Saldern ET ALII, Glass and glassmaking in ancient Mesopotamia, Corning-London-Toronto 1989.
Setti-Zanini 1996
B. Setti, A. Zanini, La faïence nel Bronzo antico in Italia, in 'L'antica età del Bronzo', Atti del Congresso (Viareggio 1995), 1996, pp. 618-619.
Stern-Nolte 1994
E. M. Stern, B. Schlick Nolte, Early Glass of the Ancient World (1660 B.C. - 50 A.D.). Ernesto Wolf Collection, Ostfildern 1994.
Sternini 1995
M. Sternini, La fenice di sabbia, Bari 1995.
Tait 1991
H. Tait (a cura di), Cinquemila anni di vetro, Silvana Editoriale, Milano 1991.
Tykot 2002
R.H. Tykot, New approaches to the characterization and Interpretation of Obsidian from the Mediterranean Island sources, in P.B. Vandiver, M. Goodway, J.R. Druzik e J.L. Mass, Materials issues in art and archaeology, VI, Warrendale. P.A: Materials research society proceedings 712, pp. 143-157.
Vetro 1998
AA.VV., Il vetro dall'antichità all'età contemporanea: aspetti tecnologici, funzionali e commerciali, in 'Atti 2e Giornate Nazionali di Studio AIHV' - Comitato Nazionale Italiano, 14-15 dicembre 1996, Milano 1998.
Voza 1984-85
G. Voza, L'attività della Soprintendenza alle Antichità della Sicilia Orientale, in 'Kokalos', XXX-XXXI, II, 1, 1984-85.
Washington 1917
H. S. Washington, Chemical Analyses of Igneous Rocks, in 'U.S. Geological Survey Professional Paper' 99, 1917, p. 1201.
1 2 3 4 5 Età del Ferro
HomeEventiProgettoPartnerLinkContattiArea riservata
© 2018 Regione Autonoma Valle d'Aosta - c.f. 80002270074 - credits