Glassway - vetro verre glass
italiano · français · english
Home Eventi Progetto Partner Link Contatti Area riservata
ricerca   
ELLENISMO Home Vetro Artigianale e Artistico Storia del Vetro artigianale e artistico Ellenismo
Caratteristiche del Vetro
Vetro Artigianale e Artistico
Storia del Vetro artigianale e artistico
Età del bronzo
Età del Ferro
Ellenismo
Dall'età di Augusto alla Tarda Antichità
Medioevo
Rinascimento
Barocco
XIX Secolo
Tecniche di produzione del Vetro
Vetro industriale
Vetro e Ambiente
Musei e Istituzioni
Mappa dei contenuti

IL VETRO NELL'ELLENISMO

testi a cura di Rosanna Mollo e Patrizia Framarin
VEDI ANCHE
Filigrana a reticello
Mosaico
Soffiatura
Vetro mosaico
MUSEI
Civiche Raccolte Archeologiche e Numismatiche, Milano, Italia
Corning Museum of Glass, New York
Museo Archeologico di Giardini Naxos, Messina, Italia
Museo Archeologico Nazionale delle Marche, Ancona, Italia
Museo Archeologico Nazionale di Adria, Rovigo, Italia
Museo Archeologico Nazionale, Adria, Italia
Museo Archeologico Nazionale, Napoli, Italia
Museo Archeologico Regionale di Gela, Caltanisetta, Italia
Museo Civico Archeologico, Bologna, Italia
Museu d'Arqueologia de Catalunya, Barcelona
La manifattura vetraria conosce un periodo di rinascita e di fiorente sviluppo in epoca ellenistica, in coincidenza con la ripresa commerciale a vasto raggio di beni di lusso e di consumo, a seguito dei cambiamenti conseguenti alla morte di Alessandro Magno nel 323 a.C. e al consolidamento delle potenti dinastie che definiscono la nuova configurazione politica ed economica del Mediterraneo orientale. In Egitto si afferma la dinastia Tolemaica, in Siria e in Mesopotamia i Seleucidi, in Grecia e in Macedonia gli Antigonidi.
Anche dopo la caduta dell'impero Persiano nel 330 a.C, i manufatti dell'artigianato achemenide continuano ad essere imitati negli ateliers della Grecia e della Macedonia.
Rapidamente si moltiplicano i centri di lavorazione del vetro: accanto all'area costiera siro-palestinese e a Sidone in particolare, Alessandria fondata nel 332 a.C. diventa uno dei principali centri produttivi del vetro ellenistico.
La produzione ellenistica: vasellame monocromo e policromo
zoom
1. Coppa,  dal Mediterraneo orientale (fine III - inizi II sec. a.C.).Corning Museum of Glass, New York.
1. Coppa, dal Mediterraneo orientale (fine III - inizi II sec. a.C.).Corning Museum of Glass, New York.
Nella koiné culturale di matrice greca, la fase iniziale della produzione vetraria ellenistica affonda ancora le radici nella tradizione dell'epoca precedente (foto 1).
zoom
Tav. I. Tavola tipologica delle principali forme del vasellame del cosiddetto 'Canosa Group'. Da Grose, 1989.
Tav. I. Tavola tipologica delle principali forme del vasellame del cosiddetto 'Canosa Group'. Da Grose, 1989. 
Nel corso del III secolo a.C. decorazioni intagliate di tipo fitomorfo sono ricorrenti sul fondo del vasellame in vetro trasparente, giallognolo o verdognolo, per lo più eleganti coppe d'uso potorio. Soltanto verso la fine del III-II secolo a.C., molto probabilmente negli atéliers alessandrini emergono le nuove tendenze stilistiche a seguito di innovazioni tecnologiche e alla riscoperta del vetro-mosaico: la caratterizzazione della produzione tipicamente ellenistica dei vetri modellati a stampo è esemplificata dagli eccezionali ritrovamenti tombali di Canosa di Puglia, il cosiddetto 'Canosa Group' (Tav. 1).
zoom
2. Coppa su piede, dal Mediterraneo orientale (metà - fine III sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
2. Coppa su piede, dal Mediterraneo orientale (metà - fine III sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
I nuovi metodi di lavorazione del vetro, come la modellazione su forma, favoriscono la produzione di vasellame da mensa di ispirazione toreutica, per lo più di forma aperta e di grandi dimensioni, morfologicamente variato: a grandi piatti, vassoi, a skiphoi (cfr. Tavola I, n. 7); a kadoi (anfore - cfr. Tavola I, n. 9) e a coppe su piede (cratere) (foto 2) sono associate coppe di forma emisferica o conica, rari esemplari di grande pregio.
Ricorrono frequentemente di forme in vetro monocromo colorato, spesso traslucido o quasi incolore (foto 3), dal profilo essenziale, polito e dalla semplice decorazione a scanalature orizzontali e, in taluni casi, di vasellame in vetro policromo 'a mosaico' nella versione a reticello (foto 4) o a motivi di stelle (foto 5) o spirali intervallate da tasselli in vetro colorato (foto 6).
zoom
3. Coppa emisferica, probabilmente da Canosa (tardo III - seconda metà II sec. a.C.). Civiche Raccolte Archeologiche e Numismatiche, Milano, Italia.
3. Coppa emisferica, probabilmente da Canosa (tardo III - seconda metà II sec. a.C.). Civiche Raccolte Archeologiche e Numismatiche, Milano, Italia. 
zoom
4. Coppa a reticello, probabilmente dall'Italia (fine III-II sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
4. Coppa a reticello, probabilmente dall'Italia (fine III-II sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York. 
zoom
5. Coppa in vetro mosaico policromo, forse dal Mediterraneo orientale (tardo II-I sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
5. Coppa in vetro mosaico policromo, forse dal Mediterraneo orientale (tardo II-I sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York. 
zoom
6. Amphoriskos (unguentario) in vetro mosaico policromo, forse dal Mediterraneo orientale (fine III-II sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
6. Amphoriskos (unguentario) in vetro mosaico policromo, forse dal Mediterraneo orientale (fine III-II sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York. 
zoom
7. Coppa in gold-glass technique (vetro dorato), forse dal Mediterraneo orientale (fine III-II sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
7. Coppa in gold-glass technique (vetro dorato), forse dal Mediterraneo orientale (fine III-II sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
Un rilievo particolare meritano le raffinate coppe della fine del III-II secolo a.C., realizzate nella tecnica del gold-glass, con motivi vegetali a foglia d'oro, di probabile produzione alessandrina (foto 7), che si rifanno a prototipi in metallo pregiato.
La diffusione commerciale e l'apertura dei mercati
La circolazione dei prodotti della vetraria ellenistica, rara e costosa, di eccezionale qualità tecnica e formale raggiunge attraverso le rotte commerciali mediterranee, l'Asia minore, la Cirenaica, la Grecia e le coste italiche.
zoom
8. Coppa, da Naxos (fine III - inizi II sec. a.C.). Museo Archeologico di Giardini Naxos, Messina, Italia.
8. Coppa, da Naxos (fine III - inizi II sec. a.C.). Museo Archeologico di Giardini Naxos, Messina, Italia. 
A partire dal III-II secolo a.C. si impone anche sul mercato dell'Italia meridionale vasellame da mensa policromo e monocromo, destinato ad una ristretta élite italiota.
Manufatti orientali di carattere suntuario sono attestati in Sicilia sia in contesti funerari che abitativi tra la fine del III e l'inizio del II secolo a.C., come la coppa in vetro bianco di fabbrica siriana da Naxos (foto 8), dal profilo leggermente ovoidale, le coppe a vasca profonda e i piatti frammentari in vetro incolore da Morgantina, attribuiti agli atéliers di Alessandria.
zoom
10. Grande piatto in vetro trasparente, da Canosa (fine III-II sec. a.C.). Museo Archeologico Nazionale, Napoli, Italia.
10. Grande piatto in vetro trasparente, da Canosa (fine III-II sec. a.C.). Museo Archeologico Nazionale, Napoli, Italia.
Contemporanee importazioni di vetri orientali si ritrovano anche nell'Italia meridionale (Magna Grecia). Le tombe della necropoli di Canosa, l'antica Canusium nella Daunia, hanno restituito un consistente gruppo di esemplari di elevata qualità tecnica e stilistica: coppe a sandwich gold-glass a motivi floreali in foglia d'oro, eleganti skyphoi e coppe lobate a decorazione vegetale intagliata sul fondo in vetro incolore (foto 10), grandi piatti eseguiti sia in vetro-mosaico che incolore con decorazione dipinta e dorata, coppe policrome o a reticello accanto a semplici coppe emisferiche in vetro monocromo colorato.
La continuità degli scambi intrattenuti nel corso del II secolo a.C. con l'area medio-orientale e la stabilità dei circuiti commerciali spiegano la presenza di raffinati esemplari di una produzione d'élite lungo le coste dell'Adriatico centro-settentrionale.
In questo contesto si inseriscono le coppe policrome a reticello (foto 11), a mosaico con motivi spiraliformi (foto 12-13) e i grandi piatti in vetro trasparente con tracce di pittura e doratura della seconda metà del II secolo a.C da Ancona, in territorio piceno. Allo stesso orizzonte culturale appartiene una versione di coppa monocroma verde che proviene da Adria (foto 14).
zoom
11. Coppa a reticello, da Ancona (150-100 a.C.). Museo Archeologico Nazionale delle Marche, Ancona, Italia.
11. Coppa a reticello, da Ancona (150-100 a.C.). Museo Archeologico Nazionale delle Marche, Ancona, Italia. 
zoom
12. Coppa in vetro mosaico, da Ancona (seconda metà II sec. a.C.). Museo Archeologico Nazionale delle Marche, Ancona, Italia.
12. Coppa in vetro mosaico, da Ancona (seconda metà II sec. a.C.). Museo Archeologico Nazionale delle Marche, Ancona, Italia. 
zoom
13. Coppa in vetro a fasce policrome e dorate, da Ancona (tardo II sec. a.C.). Museo Archeologico Nazionale delle Marche, Ancona, Italia.
13. Coppa in vetro a fasce policrome e dorate, da Ancona (tardo II sec. a.C.). Museo Archeologico Nazionale delle Marche, Ancona, Italia. 
zoom
14. Coppa monocroma, da Adria (fine II sec.  a.C.). Museo Archeologico Nazionale di Adria, Rovigo, Italia.
14. Coppa monocroma, da Adria (fine II sec. a.C.). Museo Archeologico Nazionale di Adria, Rovigo, Italia. 
Nel corso del II-I secolo a.C. i commerci marittimi raggiungono anche le coste tirreniche: dall'Etruria provengono coppe a mosaico composito e vasi in vetro policromo marmorizzato ad imitazione delle pietre dure.
Analoghe associazioni di vasellame ellenistico di eccezionale raffinatezza, appartenenti al 'Canosa Group' si riscontrano anche lungo le coste della Russia Meridionale (Olbia, Kerch) (Cfr. Tav. I, anfora in vetro incolore con ornamentazione metallica n. 9), un'importante area di approvvigionamento granario del mercato mediteraneo, in particolare ellenico.
Le produzioni tardo-ellenistiche
Alla fine del II e nel corso del I secolo a.C. l'industria vetraria ellenistica raggiunge l'apice manifatturiero. Contemporaneamente la produzione di vetro monocromo delle officine siro-palestinesi ed egiziane aumenta notevolmente e si diffonde in tutte le regioni affacciate sul Mediterraneo, come attestano le scoperte di Delo e di Tell Anafa (Israele). Si tratta per lo più di coppe di forma emisferica o conica a pareti lisce o solcate da sottili scanalature orizzontali, spesso in vetro colorato (Tav. II - foto 15), con stretta dipendenza dalle forme fittili, come la coppa megarese, o metalliche come confermato dal relitto di Anticythera.
zoom
Tav. II. Tavola tipologica delle forme monocrome coniche, emisferiche decorate da incisioni di probabile produzione siro-palestinese (seconda metà II - inizi I sec. a.C.). Da Grose, 1989.
Tav. II. Tavola tipologica delle forme monocrome coniche, emisferiche decorate da incisioni di probabile produzione siro-palestinese (seconda metà II - inizi I sec. a.C.). Da Grose, 1989. 
zoom
15. Coppa monocroma dal Mediterraneo orientale (metà del II-I sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
15. Coppa monocroma dal Mediterraneo orientale (metà del II-I sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York. 
zoom
16. Coppa costolata di provenienza sconosciuta (tardo I sec a.C. - metà I sec. d.C.). Civiche Raccolte Archeologiche e Numismatiche, Milano, Italia.
16. Coppa costolata di provenienza sconosciuta (tardo I sec a.C. - metà I sec. d.C.). Civiche Raccolte Archeologiche e Numismatiche, Milano, Italia.
Verso la fine del II secolo a.C. compare anche la coppa costolata in vetro fuso a stampo, naturale o colorato (foto 16) che si diffonde rapidamente nell'area mediterranea e nelle province occidentali.
In questo periodo si colloca anche la produzione di originali vasetti cilindrici con coperchio (pissidi) realizzate a matrice in vetro traslucido o a reticello, ritrovate in numero considerevole a Creta e di probabile produzione locale.
I balsamari: Gruppo Mediterraneo 2
zoom
Tav. III. Gruppo mediterraneo 2. Da Grose, 1989.
Tav. III. Gruppo mediterraneo 2. Da Grose, 1989.
A partire dalla metà del IV secolo a.C. riprende anche la produzione di contenitori di unguenti e cosmetici inseribili nel cosiddetto Gruppo Mediterraneo 2 che presenta un nuovo repertorio di forme miniaturistiche, come lo stamnos e l'hydria (Tav. III, foto 17), e l'introduzione di nuovi modelli decorativi a fasce piumate, a festoni, a linee a zig-zag (foto 18-19-20).
zoom
17. Hydriska di provenienza sconosciuta (seconda metà IV-V sec. a.C.). Museu d'Arqueologia de Catalunya, Barcelona.
17. Hydriska di provenienza sconosciuta (seconda metà IV-V sec. a.C.). Museu d'Arqueologia de Catalunya, Barcelona. 
zoom
18. Alabastron policromo, da Palermo (metà IV - primi decenni III sec. a.C.). Collezione privata.
18. Alabastron policromo, da Palermo (metà IV - primi decenni III sec. a.C.). Collezione privata. 
zoom
19. Alabastron policromo, di provenienza sconosciuta (seconda metà IV - inizi III sec. a.C.). Civiche Raccolte Archeologiche e Numismatiche, Milano, Italia.
19. Alabastron policromo, di provenienza sconosciuta (seconda metà IV - inizi III sec. a.C.). Civiche Raccolte Archeologiche e Numismatiche, Milano, Italia. 
zoom
20. Alabastron policromo, di provenienza sconosciuta (seconda metà IV - inizi III sec. a.C.). Museu d'Arqueologia de Catalunya, Barcelona.
20. Alabastron policromo, di provenienza sconosciuta (seconda metà IV - inizi III sec. a.C.). Museu d'Arqueologia de Catalunya, Barcelona. 
zoom
21. Oinochoe trilobata policroma, dal Mediterraneo orientale (IV-III sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
21. Oinochoe trilobata policroma, dal Mediterraneo orientale (IV-III sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
La distribuzione di questi vasetti raggiunge il Mediterraneo orientale: concentrazioni di notevole entità localizzabili nelle necropoli celtiche del nord (foto 21-22-23) e del centro Italia, in Magna Grecia, in Tessaglia, in Macedonia, in Bulgaria e nell'Unione Sovietica, hanno fatto supporre la presenza di più centri produttivi distribuiti nell'area mediterranea occidentale.
zoom
22. Oinochoe trilobata policroma, di provenienza sconosciuta (metà IV - inizi II sec. a.C.). Museo Civico Archeologico, Bologna, Italia.
22. Oinochoe trilobata policroma, di provenienza sconosciuta (metà IV - inizi II sec. a.C.). Museo Civico Archeologico, Bologna, Italia. 
zoom
23. Oinochoe trilobata policroma, da Bologna (prima metà III sec. a.C.). Museo Civico Archeologico, Bologna, Italia.
23. Oinochoe trilobata policroma, da Bologna (prima metà III sec. a.C.). Museo Civico Archeologico, Bologna, Italia. 
Gruppo Mediterraneo 3
zoom
Tav. IV. Gruppo Mediterraneo 3. Da Grose, 1989.
Tav. IV. Gruppo Mediterraneo 3. Da Grose, 1989. 
Dopo un periodo di stasi, a partire dalla metà del II sec. a.C., compare una nuova tipologia di contenitori porta-unguenti con l'attestazione di due forme principali, l'alabastron e l'amphoriskos, ascrivibili al 'Gruppo Mediterraneo 3' che comporta un notevole cambiamento nel repertorio formale e trova confronto nella produzione delle ceramiche e delle anfore (Tav. IV) da trasporto del tardo ellenismo.
La cromia e i motivi decorativi, sono simili a quelli del gruppo precedente; l'innovazione consiste nella realizzazione delle anse e delle basi in vetro chiaro traslucido, diverso dalla colorazione del corpo (foto 24-25).
zoom
24. Amphoriskos policromo, di provenienza sconosciuta (prima metà III sec. a.C.). Civiche Raccolte Archeologiche e Numismatiche, Milano, Italia.
24. Amphoriskos policromo, di provenienza sconosciuta (prima metà III sec. a.C.). Civiche Raccolte Archeologiche e Numismatiche, Milano, Italia. 
zoom
25. Amphoriskos policromo (metà II-I sec. a.C.). Collezione privata, Italia.
25. Amphoriskos policromo (metà II-I sec. a.C.). Collezione privata, Italia. 
zoom
26. Amphoriskos policromo, dal Mediterraneo orientale, probabilmente da Cipro  (II - I sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
26. Amphoriskos policromo, dal Mediterraneo orientale, probabilmente da Cipro (II - I sec. a.C.). Corning Museum of Glass, New York.
La forte concentrazione di esemplari nelle regioni levantine in generale e, siro-palestinesi in particolare (foto 26), ha permesso di ipotizzare una localizzazione dei centri produttivi,  in tale ambito caratterizzato dalla importante produzione di coppe in vetro fuso, per lo più incolori o di colore chiaro-traslucido.
zoom
27. Contenitori per Kohl a forma di tubp, da Adria (III - II sec. a.C). Museo Archeologico Nazionale, Adria, Italia.
27. Contenitori per Kohl a forma di tubp, da Adria (III - II sec. a.C). Museo Archeologico Nazionale, Adria, Italia. 
zoom
28. Alabastron a bande policrome e dorate probabilmente dall'Egitto (I sec. a.C.- I sec. d.C.). Corning Museum of Glass, New York.
28. Alabastron a bande policrome e dorate probabilmente dall'Egitto (I sec. a.C.- I sec. d.C.). Corning Museum of Glass, New York. 
zoom
29. Intarsio policromo di tipo miniaturistica (fine I sec. a.C. - metà I sec. d.C.). Corning Museum of Glass, New York.
29. Intarsio policromo di tipo miniaturistica (fine I sec. a.C. - metà I sec. d.C.). Corning Museum of Glass, New York. 
Accanto al perdurare in area alto adriatica dell'utilizzazione dei contenitori di Kohl (foto 27) di più antica tradizione, nel corso del I sec. a.C. compaiono anche gli originali alabastra a bande d'oro (foto 28) dai tappi forati con funzione di spruzzatori, diffusi nel Mediterraneo orientale e in Italia.
Ininterrotta si mantiene anche la produzione di oggetti di ornamento come i pendenti vitrei configurati (foto 29): predominante sembra il ruolo di Cartagine e fondamentale il contributo dei Fenici. Perdura anche la lavorazione di elementi particolari di tipo miniaturistico come gli intarsi di vetro mosaico (foto 30), le placchette a motivi floreali o specializzati come le perle (foto 31) e i bracciali, sia in Oriente che in Occidente (Rodi, Meare in Gran Bretagna, Nimrud in Iraq e Manching in Germania).
zoom
30. Pendente configurato, da Gela (IV-III sec.a.C.). Museo Archeologico Regionale di Gela, Caltanisetta, Italia.
30. Pendente configurato, da Gela (IV-III sec.a.C.). Museo Archeologico Regionale di Gela, Caltanisetta, Italia. 
zoom
31. Elementi di collana, da Gela (metà III sec. a.C.). Museo Archeologico Regionale di Gela, Caltanisetta, Italia.
31. Elementi di collana, da Gela (metà III sec. a.C.). Museo Archeologico Regionale di Gela, Caltanisetta, Italia. 
Sino alla fine del I secolo a.C. la produzione di oggetti in vetro rimase sostanzialmente limitata all'area medio-orientale: una vera innovazione tecnologica nella lavorazione del vetro sarà apportata, soltanto intorno alla metà del I secolo a.C. in ambiente siro-palestinese, con l'introduzione della soffiatura, un sistema che permetterà la diffusione su vasta scala degli oggetti in vetro per la rapidità di esecuzione.
BIBLIOGRAFIA
Bacci Spigo 1984
G. M. Bacci Spigo, Coppa vitrea ed oreficerie da sepolture di età ellenistica e romana a Naxos, in 'BdA' XXV, 1984, pp. 60-61.
Barag 1985
D. Barag, Catalogue of Western Asiatic Glass in the British Museum I. Late third millenium B.C. to c. A.D. 200, London 1985.
Bonomi 1996
S. Bonomi, Vetri antichi del Museo Archeologico Nazionale di Adria, Venezia 1996.
Carreras 1997
T. Carreras Rossell, Vidre antic petits contenidors per a ungüents i perfums al Museu d'Arquéologia de Catalunya, in 'Miscellània Arquéologica', 1996-97, pp. 97-116.
Colivicchi 1999
F. Colivicchi, Il commercio dei vetri ellenistici in Adriatico: la Daunia e il Piceno, in Atti del 1° Convegno Multidisciplinare 'Il vetro in Italia meridionale e insulare' (Napoli 6-8 marzo 1998), Napoli 1999, pp. 109-118.
Davidson Weinberg 1970
G. Davidson Weinberg, Hellenistic Glass from Tel Anafa in Upper Galilee, in 'Journal of Glass Studies', 12, 1970, pp. 17-27.
Davidson Weinberg 1973
G. Davidson Weinberg, Notes on Glass from Upper Galilee, in 'Journal of Glass Studies', 15, 1973, pp. 35-51.
Davidson Winberg 1992
G. Davidson Weinberg, Glass vessels in ancient Greece, Athens 1992.
Duncan Jones 1995
J. Duncan Jones, Classical and Ellenistic Core-formed Vessels from Gordion, in 'Journal of Glass Studies', 37 (1995), pp. 21-34.
Foy ET ALII 2000
D. Foy, M. Vichy, M. Picon, Lingots de verre en Méditerranée occidentale, in ' Actes du XIVe Congrès de l'Association Internationale du Verre ', Amsterdam, AIHV 2000, pp. 51-57.
Foy-Nenna 2001
D. Foy, M. D. Nenna, Tout feu tout sable. Mille ans de verre antique dans le Midi de la France, Musées de Marseille, editions Edisud 2001.
Glassway 2002
Glassway, Le stanze del vetro. Dall'archeologia ai giorni nostri, Milano 2002.
Glassway 2004
Glassway, Il vetro: fragilità attraverso il tempo, Palermo 2004.
Goldstein 1979 S. M. Goldstein, Pre-Roman and Early Roman Glass in the Corning Museum of Glass, Corning (New York) 1979.
Grose 1979
D. F. Grose, The Syro-Palestinian Glass Industry in the Later Hellenistic Period, in 'Muse' XIII, 1979, pp. 60-78.
Grose 1982
D. F. Grose, The hellenistic and early Roman glass from Morgantina (Serra Orlando, Sicily), in 'Journal o Glass Studies' 24, 1982, pp. 20-29.
Grose 1989
D. F. Grose, Early Ancient Glass core-formed, and cast vessels and object from the late Bronze Age to the early Roman Empire, 1600 B.C. to 50 A.D., The Toledo Museum of Art, New York 1989.
Harden 1968 D. B. Harden, The Canosa Group of Hellenistic Glasses in the British Museum, in 'Journal of Glass Studies', 10, London 1968, pp. 21-47.
Harden 1981
D. B. Harden, Catalogue of Greek and Roman Glass in the British Museum, vol. I, London 1981.
Harden 1984
D. B. Harden, Core-Formed glasses of the Alexandrians, in 'Alexandria e il mondo ellenistico-romano, Studi in onore di Achille Adriani', Roma 1984.
Harden 1988
D.B. Harden (a cura di), I vetri dei Cesari. Catalogo della mostra. Milano 1988.
Isings 1957
C. Isings, Roman Glass from Dated finds, Gröningen-Djakart 1957.
Israeli 2001
Y. Israeli ET ALII, Ancient Glass in the Israel Museum, Israel Museum, Jerusalem 2001.
Mercando 1976
L. Mercando, L'Ellenismo nel Piceno in AA.VV. 'Hellenismus in Mittelitalien'. Kolloquium im Göttingen von 5 bis 9. Juni 1974, Göttingen 1976, vol. I, pp. 160-218.
Nenna 1993
M. D. Nenna, La Verrerie d'époque Hellenistique à Delos, in 'Journal Glass Studies' 35 (1993), pp. 11-21.
Nolte 1968
B. Nolte, Die Glassgefäße im alten Agypten, Berlin 1968.
Oliver 1967
A. Oliver, Late Hellenistic Glass in the Metropolitan Museum, in 'Journal of Glass Studies', 9, 1967, pp. 13-33.
Piccioli-Sogliani 1999
C. Piccioli, F. Sogliani (a cura di), Il vetro in Italia meridionale e insulare, in 'Atti del Primo convegno Multidisciplinare e insulare' (Napoli 5-6-7 marzo 1998), Napoli 1999.
Roffia 1993
E. Roffia, I vetri antichi delle Civiche Raccolte archeologiche di Milano, Milano 1993.
Roffia 1998
E. Roffia, I vetri romani della Collezione Personemi, in 'Vetro e vetri', pp. 149-164.
Seefried 1982
M. Seefried, Les pendentifs en verre sur noyau des Pays de la Méditerranée antique (Collection de l'Ecole Française de Rome, 57), Roma 1982.
Spanò Giammellaro 1979
A. Spanò Giammellaro, Pendenti vitrei policromi in Sicilia, in 'SicA' 39, 1979, pp. 25-48.
Stern 1981
E. M. Stern, Hellenistic Glass from kush, in 'Annales du 8e Congrès International de l'AIHV' (Londres-Liverpool, 18-25 septembre 1979), Liège 1981, pp. 35-59.
Stern-Nolte 1994
E. M. Stern, B. Schlick Nolte, Early Glass of the Ancient World (1600 B.C. - 50 A.D.). Ernesto Wolf Collection, Stuttgart 1994.
Sternini 1995
M. Sternini, La fenice di sabbia, Bari 1995.
Tait 1991
H. Tait (a cura di), Cinquemila anni di vetro, Silvana Editoriale, Milano 1991.
Vesseberg 1956
O. Vesseberg, The Hellenistic and Roman Period in Cyprus, The Swedish Cyprus Expedition, 4, Stockholm 1956.
Vetro 1998
AA.VV., Il vetro dell'antichità all'età contemporanea: aspetti tecnologici, funzionali e commerciali, 'Atti 2e Giornate Nazionali di Studio AIHV - Comitato Nazionale Italiano', 14-15 dicembre 1996, Milano 1998.
Vitrum 2004
M. Berretta, G. Di Pasquale (a cura di), Vitrum. Il vetro tra arte e scienza nel mondo romano, Firenze 2004.
Von Saldern 1975
A. Von Saldern, Two Achaemenid Glass Bowls and a Hoard of Hellenistic Glass Vessels, in 'Journal Glass Studies' XVII, 1975, pp. 37-46.
Età del Ferro 1 2 3 4 5 Dall'età di Augusto alla Tarda Antichità
HomeEventiProgettoPartnerLinkContattiArea riservata
© 2019 Regione Autonoma Valle d'Aosta - c.f. 80002270074 - credits